Obduction: il nuovo Myst? 5/5 (1)

L’anima di un classico del 1993 (Myst) per una nuova avventura, oggi vi parleremo di Obduction gioco iper realistico sviluppato da Cyan.

Definito il seguito di Myst – forse anche di Riven, Obduction è un’avventura che ci permette di sperimentare quello che potrebbe accaderci dopo essere stati rapiti dagli alieni.. non male come inizio? C’è molto di più..

Tutto inizia in un parco sulle rive di un lago in una serata d’estate, strane luci appaiono nel cielo ed una di queste si avvicina rivelandosi con una forma simile a quella di un seme che si trasforma ed esplode, facendoci perdere conoscenza.

Al risveglio ci troviamo immersi in un’altro mondo, simile al precedente ma ad ogni passo sempre più diverso; per l’esattezza ci troviamo a Hunrath, lo scopriamo dalla spiegazione di un ologramma, una cittadina che ricorda un insieme di molte nostre città in varie epoche.

Come nelle precedenti avventure, anche in Obduction siamo soli ad affrontare questa esperienza e la mancanza assoluta di menù, interfaccia e tutorial ( potrebbe sembrare eccessiva per molti ) in definitiva è quello che permette di essere immersi nell’ambiente circostante, inseriti completamente nell’esperienza del gioco, in modo non lontano da come ci sentivamo con Riven e gli altri, appunto.

Forse, alcuni puzzle avrebbero potuto essere un pò meno cervellotici, evitando di ritornare sui propri passi troppe volte e in qualche caso appaiono anche poco in relazione con la missione, ma in fondo il girovagare a vuoto lo conosciamo bene, non siamo in un gioco d’azione e questo modo di interagire lo avevamo già sperimentato nei primi 5 capitoli di Myst.

In definitiva non possiamo dire se per tutti questo capitolo sia davvero il nuovo Myst, le aspettative e i ricordi di ognuno possono influenzare il giudizio, inoltre oggi il realismo di questi scenari 3D non è paragonabile al passato e le interazioni sono molto diverse. I capolavori del passato restano tali, qui c’è un modo e un mondo diverso.  A proposito, se giocate con un mac o pc e avete a disposizione una buona scheda grafica ( quasi indispensabile ) non dimenticate di settare i dettagli in modalità alta o anche superiore, nelle impostazioni di gioco.

Non resta che provare Obduction e valutare di persona.

Tutto questo in attesa del nuovo Firmament – il prossimo capitolo Cyan ufficialmente annunciato ed in lavorazione – di cui possiamo vedere un primo assaggio di seguito.

Aggiornamento: oltre a Firmament, Cyan ha annunciato una nuova edizione per il 25° anno dei classici Myst – Riven – Exile – Revelation e End of Ages. Per i nostalgici una nuova occasione per un altro viaggio nel tempo!

You May Also Like

About the Author: giocobox

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *